Riunioni, uscite e campi estivi

haka

 

Il Gruppo Scout Neruda di Padova propone esperienze comuni a ragazzi provenienti da ambienti culturali e sociali diversi, per promuovere in bambini e giovani la riscoperta del rapporto con la natura, la crescita dell’autonomia personale, la capacità dello stare in gruppo, il saper aiutare chi ha necessità e l’agire per migliorare gli ambiti sociali che ci attorniano.
Le attività consistono tipicamente in riunioni o escursioni settimanali che interessano i bambini e i ragazzi tra gli 8 e i 17 anni, divisi in 4 fasce di età. In questi incontri si realizzano diverse iniziative che, attraverso il gioco, l’avventura, i campi, le escursioni, le discussioni, le attività manuali ed espressive, sensibilizzano i giovani ai temi sociali e ambientali. In essi l’approfondimento culturale si realizza anche attraverso video e video-racconti recitati, su tematiche di carattere storico o di attualità.

Vi sono due temi su cui il Gruppo si è particolarmente soffermato in questi ultimi anni e che partono da queste constatazioni:

I bambini e la città: i bambini e i ragazzi nell’arco di 2-3 generazioni sono stati privati dello spazio su cui giocare e vivere avventure (conseguenza in particolare delle politiche urbanistiche adottate nelle città). Sono stati anche privati del tempo libero che dedicavano a organizzare in proprio i loro giochi e iniziative (gran parte delle giornate ormai sono confezionate tra corsi- associazioni-tornei in cui tutto è già programmato da altri).
Convinti che gioco e avventura siano strumenti fondamentali per l’autoformazione e la crescita, molte delle nostre attività hanno proposto situazioni in cui i bambini e i ragazzi han trovato gli ambienti e le occasioni per riappropriarsi spontaneamente del loro divertimento;

I giovani, la devianza e le marginalità sociali: i giovani con facilità possono essere attratti da atteggiamenti trasgressivi e comportamenti devianti.
L’attività di volontariato in carcere da parte di alcuni adulti (capi) del nostro Gruppo ha favorito l’incontro e il confronto tra i nostri ragazzi più grandi e i detenuti, le cui testimonianze han fatto riflettere e si spera possano esser state utili a prevenire eventuali scelte pericolose e sbagliate.
Ma alla nostra attività in carcere come volontari - in particolare presso la Redazione del TG2 Palazzi della Casa di Reclusione di Padova, e presso lo Sportello Giuridico messo a servizio dei detenuti ma anche dei senza fissa dimora, in collaborazione con l’associazione “Avvocato di Strada” - è di aiuto anche l’impegno dei nostri giovani, con la realizzazione di video su temi sociali e con il loro servizio occasionale presso le Cucine Popolari della città.